Regione Lombardia ha approvato i criteri applicativi della misura “Investimenti”, ovvero 3 diverse linee di agevolazione riguardanti temi specifici:

1) LINEA GREEN (65 milioni €)

2) LINEA SVILUPPO AZIENDALE (115 milioni €)

3) LINEA ATTRAZIONE INVESTIMENTI (30 milioni €)

Le tre linee sono tutte finalizzate a sostenere investimenti per lo sviluppo aziendale, anche in chiave digital e green, mediante agevolazioni articolate in un mix composto da garanzie gratuite su finanziamenti a medio e lungo termine attivati con soggetti intermediari convenzionati con Regione e contributi a fondo perduto.

Vediamo ora insieme la LINEA GREEN e la rispettiva tabella normativa:

1. MISURA “INVESTIMENTI” – LINEA GREEN

Strumento di finanza agevolata: MISURA “INVESTIMENTI” – LINEA GREEN

Breve descrizione dell’intervento e finalità: Misura volta ad agevolare l’attivazione di investimenti dedicati all’efficientamento energetico degli impianti produttivi delle imprese per favorire la riduzione dell’impatto ambientale dei propri sistemi produttivi, sia attraverso la riduzione dei consumi energetici che attraverso il recupero di energia e/o la cattura dei gas serra dai cicli produttivi.

Soggetti beneficiari: PMI e grandi imprese con almeno 2 bilanci depositati e una sede operativa oggetto dell’intervento in Lombardia.

Progetti ammissibili: La misura finanzia interventi di efficientamento energetico, corredati di diagnosi energetica redatta in conformità alla norma UNI EN 16247; la riduzione delle emissioni deve essere di almeno il 30% rispetto alle emissioni ex ante.

Spese ammissibili:

a) macchinari, impianti, attrezzature ed hardware, necessari per il conseguimento delle finalità progettuali, in sostituzione di quelli in uso
b) impianti per la produzione di energia rinnovabili
c) impianti di produzione di energia termica e frigorifera e impianti di cogenerazione/trigenerazione
d) sistemi di accumulo dell’energia e di inverter
e) caldaie ad alta efficienza a condensazione, a biomassa ovvero pompe di calore in sostituzione di quelli in uso
f) sistemi di domotica per il risparmio energetico
g) apparecchi LED a basso consumo in sostituzione dell’illuminazione tradizionale
h) software, licenze d’uso software e costi per servizi software di tipo cloud e saas
i) acquisizione di brevetti
j) opere murarie, di bonifica e impiantistica se direttamente correlate e funzionali all’installazione dei beni di cui alle voci da a) a f) nel limite del 20% di tali voci di spesa
k) formazione
l) spese tecniche di consulenza correlate alla realizzazione dell’intervento (progettazione, direzione lavori, relazioni tecniche specialistiche e diagnosi energetiche, contributi obbligatori dei professionisti, ecc.) nel limite del 20% dei costi di cui alle precedenti voci da a) a i); m) spese generali determinate con un tasso forfettario pari al 7% delle spese ammissibili di cui alle precedenti lettere da a) a k)

Tipologia dell’agevolazione: 

  • Garanzia regionale gratuita su un finanziamento a M/L
  • Contributo a fondo perduto in conto capitale

Importo del contributo:

  • Finanziamento: fino a € 9mln a tasso di mercato; possibilità di richiesta di anticipo fino al 70%.
  • Garanzia: gratuita, a copertura del 70% dell’importo. Contributo a fondo perduto: determinato come segue e in base alla geolocalizzazione dell’intervento: – Piccole imprese: 35-50%; – Medie imprese: 25-40%; – Grandi imprese: 15-30%

Investimento minimo: € 100mila
Importo massimo dell’agevolazione: € 10mln

Regime: Quadro temporaneo fino al 31/12/2023

 

Share this post