Please enable JS

Notizie

Drazefin - NUOVA ROTTAMAZIONE DELLE CARTELLE ESATTORIALI

Notizie     08/01/2021    

NUOVA ROTTAMAZIONE DELLE CARTELLE ESATTORIALI


Per evitare l’invio di milioni di cartelle esattoriali, è allo studio al Governo la Rottamazione quater e Saldo e stralcio. L’obiettivo è quello di tutelare i contribuenti che, nel periodo di crisi, non sono riusciti a pagare le imposte, i contributi etc. Questo sistema permette di pagare i debiti con il Fisco a rate e senza interessi o sanzioni. Invece, con il saldo e stralcio i contribuenti in situazione di disagio potranno ottenere un taglio del debito dovuto. Quindi, è in arrivo la Rottamazione quater e Saldo e stralcio delle cartelle esattoriali, analizziamo cosa prevede.

Cosa prevede la nuova pace fiscale?

Si tratterebbe di una soluzione necessaria per tamponare la situazione di crisi economica che attanaglia i contribuenti italiani.

Questa misura, teoricamente, è facile da attuare, in quanto si tratterebbe di riprendere la precedente misura e incorporare tutte le cartelle esattoriali e le rateizzazioni decadute. Ma comporterebbe un grosso impatto per le casse dell’Erario che si andrebbe a sommare alla sospensione delle imposte 2020.

In arrivo la Rottamazione quater e Saldo e stralcio delle cartelle esattoriali

L’ipotesi della nuova Rottamazione quater e Saldo e stralcio è una misura fortemente voluta dall’opposizione. Ricordiamo che già è stata attuata una proroga dei pagamenti della rottamazione ter e saldo e stralcio facendo slittare al 1° marzo 2021 le rate in scadenza nel 2020.

Inoltre, è stata data la possibilità a coloro che sono decaduti dalle Rottamazioni precedenti di poter aderire alla rateizzazione del debito.

Visto il prolungarsi della pandemia Covid-19 e le restrizioni imposte dal Governo per fermare il contagio, sono molti i lavoratori che hanno perso il lavoro, e le aziende in forte crisi economica.

Quindi, una nuova pace fiscale con una flessibilità maggiore per coloro che sono decaduti dalle precedenti rateizzazioni.

L’ipotesi prevede, che i pagamenti si potranno effettuare fino a dieci rate senza perdere le agevolazioni. Inoltre, semplificazione anche sulle rateizzazioni con importi fino a 100mila euro, senza dover presentare la documentazione che dimostri le difficoltà economiche.

(Fonte: Fisco Online)